Catania, assolti Fidelbo (marito di Anna Finocchiaro) e Calaciura per appalto Pta di Giarre: “Il fatto non sussiste”

CATANIA. Melchiorre Fidelbo, marito dell’ex senatrice del Pd Anna Finocchiaro, e l’ex direttore generale dell’Asp di Catania, Giuseppe Calaciura, sono stati assolti in appello dall’accusa di abuso d’ufficio nel processo sull’appalto per l’informatizzazione del Presidio territoriale di assistenza (Pta) di Giarre, assegnato alla Solsamb, societa’ guidata da Fidelbo. In primo grado, il 10 giugno del 2016, erano stati condannati a nove mesi di reclusione ciascuno, pena sospesa, e assolti “per non avere commesso il fatto” dall’accusa di truffa. Melchiorre, difeso dall’avvocato Piero Granata, e’ stato assolto “perche’ il fatto non sussiste” e Fidelbo, assistito dal penalista Carmelo Galati, perche’ “il fatto non sussiste”.

Al centro dell’inchiesta la stipula della delibera del 2010 che autorizzava l’Asp di Catania a realizzare un convenzione con la Solsamb per il Pta di Giarre che, secondo l’accusa, sarebbe stata redatta “senza previo espletamento di una procedura ad evidenza pubblica e comunque in violazione del divieto di affidare incarichi di consulenza esterna”, come prevede la normativa regionale.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.