Catania, il rettore Basile scrive al ministro Bussetti e si dimette: “Lo faccio per tutelare l’istituzione”

Basile

In una lettera inviata questa mattina al ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, il professor Francesco Basile ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di rettore dell’Universita’ di Catania, che ricopriva dal febbraio 2017. Basile era stato sospeso dalla funzione, insieme al suo predecessore e ad altri otto professori, su decisione del gip etneo, nell’ambito dell’inchiesta “Universita’ bandita”, che ha svelato un sistema diffuso di concorsi truccati; una indagine che ha coinvolto, quali indagati, 66 persone, tra cui 60 docenti di 14 universita’ italiane.
“A seguito della nota vicenda giudiziaria avviata dalla procura della Repubblica di Catania che vede coinvolti, in qualita’ di indagati, numerosi docenti dell’Universita’ di Catania ed anche me, in qualita’ di rettore – ha scritto il Basile al ministro Bussetti – ho avuto modo di riflettere profondamente sulle decisioni piu’ opportune da prendere per il bene dell’ateneo. Con lo stesso spirito di servizio che ha contraddistinto il mio mandato e per il rispetto e la considerazione che ho sempre manifestato per il ruolo che ricopro e nei confronti della magistratura, ritengo doveroso rassegnare le mie dimissioni dalla carica di rettore dell’Universita’ di Catania”.
Una decisione che Basile definisce “sofferta”, ma che viene assunta “per la tutela dell’istituzione, dei docenti, dei dirigenti e del personale universitario che sento a me particolarmente vicini in questo momento e per garantire agli studenti serenita’ nel loro percorso di studio. Infine – precisa – ritengo che, spogliandomi del ruolo istituzionale, potro’ con maggiore liberta’ e incisivita’ e senza condizionamenti esterni, dimostrare la mia assoluta estraneita’ ai fatti che mi vengono contestati”.

Pubblicità
Avatar

Riguardo l'autore Redazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.