Centuripe, la Giornata “No Discarica”: tutti uniti contro il mega impianto che mette a rischio l’area

Una giornata di mobilitazione per ribadire il netto rifiuto alla mega-discarica che si vuole realizzare in contrada Muglia, territorio di Centuripe. Chiamiamolo “No Discarica Day” e vuole essere una presa di coscienza collettiva per quanti – in tutto il territorio interessato dal progetto – saranno costretti a subire gli effetti di un impianto di proporzioni gigantesche che gestirà mille tonnellate al giorno di rifiuti e 300 metri cubi al giorno di percolato.

Il programma della manifestazione prevede, alle ore 9.00, il raduno a Corradino e poi il trasferimento a Pietraperciata dove i soci di SiciliAntica terranno una visita guidata per spiegare la ricchezza archeologica dell’area. Nel pomeriggio, alle 16.30, da Villa Corradino partirà il corteo di protesta che approderà a Centuripe in Piazza Sciacca dove, intorno alle 18.00, si terrà l’assemblea pubblica con gli interventi dei comitati cittadini e delle associazioni fermamente schierati contro la “bomba ecologica”.

La gigantesca discarica, lessicalmente mascherata come “piattaforma di gestione e valorizzazione rifiuti” dovrebbe sorgere su iniziativa di un privato, la Oikos della famiglia catanese Proto che gestisce a Motta S. Anastasia e Misterbianco altre due contestatissime discariche.

Per la mega-discarica di Centuripe – grande quanto 500 campi di calcio – siamo ancora alla fase autorizzativa. Come scrivono i componenti del comitato “No Discarica Centuripe #restiamopuliti”, il sindaco di Centuripe Elio Galvagno, deputato regionale, “…dapprima si è detto favorevole, dicendo di credere moltissimo al progetto che sarà una grande occasione di sviluppo economico e territoriale”.

In un secondo momento, il sindaco di Centuripe ha corretto il tiro invocando un referendum popolare: “…su una scelta così importante per la nostra comunità, ritengo necessario dare la parola direttamente ai centuripini”.

Riguardo l'autore Redazione

1 Comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.