Paternò, individuato l’autore del ‘vocale’ che incita alla ribellione: denunciato per istigazione

E’ stato individuato dai carabinieri della compagnia di Paternò – grazie ad un lavoro tempestivo e fruttuoso – il presunto autore del messaggio whatsapp, divenuto virale nel pomeriggio di ieri, in cui chiede aiuto al sindaco Naso e in mancanza di risposte chiama a raccolta altri disperati per prendere di mira un supermercato e fare la spesa senza pagare.

L’autore, un uomo residente a Paternò, rischia una denuncia per istigazione a delinquere.

Sui social, stamattina, è apparso un post firmato con il provvedimento dei Carabinieri, cioè la denuncia per istigazione: “Io ci ho provato a darvi una mano – si legge – ma un Giuda mi ha tradito, mi hanno sequestrato pure il telefono”.

Da quanto si apprende nel messaggio audio sarebbe stato specificato che per compiere una simile azione dovevano essere mille persone. Qualora il sindaco Nino Naso non avesse saputo soddisfare le richieste di aiuto provenienti dai disperati, quest’ultimo inviata ad “assaiare” un supermercato, portando via un carrello di spesa senza pagare.

Il sindaco Naso, ieri sera, in un video appello ha annunciato la convocazione di una giunta urgente e straordinaria per deliberare dei buoni spesa per quanti hanno bisogno.

Pubblicità
Avatar

Riguardo l'autore Redazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.