Ue, Nardella: “Se il Recovery fund è un nuovo Piano Marshall passi dai sindaci”

Ue, Nardella: “Se il Recovery fund è un nuovo Piano Marshall passi dai sindaci”

“I Comuni devono essere in prima linea per l’impiego dei 200 miliardi del Recovery fund”.

Lo sostiene in un’intervista al Corriere della Sera il primo cittadino di Firenze, il sindaco Dario Nardella, il quale afferma anche che “se questo e’ davvero un nuovo Piano Marshall, ricordo al governo che con quel colossale aiuto dagli Usa in Italia realizzammo circa 12 mila opere, e gran parte di queste vennero costruite dai Comuni, producendo effetti immediati sulla ripartenza”.

Poi Nardella annuncia che assieme ai sindaci di altre 13 Città metropolitane italiane, che rappresentano oltre la meta’ del Pil nazionale, “entro settembre presenteremo al premier Conte un piano dettagliato, con decine di progetti, strategici e in stato avanzato, per un totale di 30 miliardi”.

Perché, sostiene il sindaco gigliato, “serve concretezza, rispettando i tre parametri chiave dell’Unione Europea:
transizione digitale, resilienza e sostenibilità ambientale” e in questo modo, intanto, “il 10% del pacchetto di finanziamenti del Recovery fund verrebbe dato subito all’Italia”.

Ma Nardella al tempo stesso teme anche che “il governo faccia convergere questi maxi fondi in troppi contenitori poco operativi, tra Stato e Regioni, che poi sarebbero costretti a metterli a bando perdendo tempo prezioso” mentre il Paese “ha bisogno di banda larga ovunque, tramvie, ferrovie, piste ciclabili, case popolari moderne”.

Pubblicità
Avatar

Riguardo l'autore Redazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.