Adrano, mozione di sfiducia: una crepa nel gruppo dei 15. In 4/5 pronti a sfilarsi. Ma tra i cittadini lo scontento è enorme

Adrano, mozione di sfiducia: una crepa nel gruppo dei 15. In 4/5 pronti a sfilarsi. Ma tra i cittadini lo scontento è enorme

A pochi giorni dalla votazione della mozione di sfiducia contro il sindaco di Adrano, Angelo D’Agate, si intravede una crepa nel gruppo dei 15 firmatari.

Le dimissioni dei 5 assessori della giunta comunale sono state accolte da alcuni come un segno di novità da registrare, “sebbene allo stato dei fatti non cambia qualcosa”.

Lo ha detto ieri – in una intervista a Tva – il consigliere Federico Floresta, secondo il quale una mozione di sfiducia è un fatto traumatico il cui voto favorevole ha degli aspetti positivi ma anche negativi.

Attorno a Floresta si muove un gruppo di 4 consiglieri per i quali – sembra di capire – la scossa della giunta azzerata è ciò che ci voleva.

Al sindaco D’Agate basterebbe che uno/due consiglieri si sfilassero dall’ex fortino blindato dei 15 e la sua sopravvivenza politica sarebbe cosa fatta.

Sono in tanti, però, dentro il Palazzo a non capire che lo spariglio della mozione presentata in Consiglio ha aperto a tutta la città il dibattito sul degrado della città e sul fallimento dell’amministrazione D’Agate.

Ora che la diga ha aperto le paratie, sarebbe sciocco sul piano politico – oltre che impopolare su quello sociale – sperare di salvare tutto con il ‘secchio’ di un paio di consiglieri. L’immobile D’Agate se ne renda conto.

Avatar

Riguardo l'autore Redazione

1 Comment

  1. Come volevasi dimostrare, è come scritto in commenti passati: 5 escono e 5 entrano. Nuovo giro e poltrone salve.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.