Paternò, al via la bonifica dell’ex Albergo Sicilia: tonnellate di rifiuti da rimuovere

Paternò, al via la bonifica dell’ex Albergo Sicilia: tonnellate di rifiuti da rimuovere

Iniziate a Paternò le operazioni di bonifica interna dell’ex albergo Sicilia di Via Vittorio Emanuele.

Infatti da 36 ore operai di una ditta specializzata incaricata dalla Città Metropolitana di Catania, ex proprietario dell’immobile da poco venduto ad una associazione etnea per un importo superiore a 428 mila, sta procedendo alla rimozione delle tonnellate di rifiuti presenti nelle stanze della ex struttura recettiva.

Le operazioni dovrebbero essere ultimate nella giornata di domani. Per consentire una rimozione in sicurezza nei giorni scorsi la polizia municipale di Paternò ha provveduto, su specifica richiesta della Città Metropolitana di Catania, ad attuare la sospensione della sosta veicolare su tratto della via Vittorio Emanuele, lungo gli spazi adiacenti il marciapiede lato prospiciente l’edificio dell’ex Albergo Sicilia.

Una determina per permettere alla ditta che sta eseguendo i lavori di piazzare, nei giorni in cui vengono effettuate le operazioni uno scarrabile ossia un mezzo di raccolta facente parte dei mezzi del cantiere durante l’esecuzione dei lavori riguardanti l’immobile ex Albergo Sicilia. Ricordiamo che ad aggiudicarsi l’asta è stata l’Associazione Ceses srl società che si occupa di servizi di assistenza sociale residenziale).

Il vincitore dovrà impegnarsi a mantenere il vincolo della destinazione turistico-alberghiera dell’immobile per almeno cinque anni dalla stipula del contratto. L’ex Albergo turistico Sicilia ha una consistenza commerciale degli spazi interni di 1.868,20 metri quadri, oltre 1.815,00 mq di spazi esterni e terrazze. In particolare l’edificio è strutturato su 4 piani, oltre ad un piano seminterrato e a un locale tecnico posto al quinto piano (livello della terrazza di copertura.

Avatar

Riguardo l'autore Redazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.