Elezioni regionali, vertice nazionale del centrodestra per decidere il candidato alla presidenza. Nel centrosinistra ancora fibrillazioni

Elezioni regionali, vertice nazionale del centrodestra per decidere il candidato alla presidenza. Nel centrosinistra ancora fibrillazioni

Quando mancano appena cinque giorni per depositare i simboli per le elezioni regionali del 25 settembre, in Sicilia le due maggiori coalizioni devono ancora sciogliere nodi e non di poco conto. Leggi il resto »
Centrodestra: Meloni, Salvini e Berlusconi s’incontrano per parlare di premiership, collegi e ‘bis’ di Musumeci

Centrodestra: Meloni, Salvini e Berlusconi s’incontrano per parlare di premiership, collegi e ‘bis’ di Musumeci

Appuntamento oggi alle 17 nelle stanze del gruppo Lega a Palazzo Montecitorio. Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi si trovano per mettere nero su bianco le `regole´ del centrodestra in vista... Leggi il resto »
Ballottaggi, in Sicilia si vota in 4 Comuni: Palagonia, Sciacca, Scicli e Villafranca Sicula

Ballottaggi, in Sicilia si vota in 4 Comuni: Palagonia, Sciacca, Scicli e Villafranca Sicula

Sono quattro i Comuni siciliani interessati oggi dal turno di ballottaggio per eleggere i rispettivi sindaci. Leggi il resto »
Salvini su Musumeci: “Tanti siciliani si aspettano qualcosa di nuovo”

Salvini su Musumeci: “Tanti siciliani si aspettano qualcosa di nuovo”

La partita dei ballottaggi alle porte con l'appello al voto di Silvio Berlusconi e la paura di perdere Verona a causa della rottura Sboarina-Tosi, la grana Sicilia con il nodo Musumeci ancora... Leggi il resto »
Regione, Musumeci giovedì comunica le proprie decisioni: ieri ha detto ‘tolgo il disturbo’

Regione, Musumeci giovedì comunica le proprie decisioni: ieri ha detto ‘tolgo il disturbo’

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci incontrerà i giornalisti giovedì prossimo, 23 giugno, alle 10.30, nella sala Alessi di Palazzo Orleans, per rendere note le proprie decisioni in relazione alle prossime... Leggi il resto »
La Regione Siciliana ha fatto molti interventi anche nel settore della cultura e per quelli che non sono finiti «ci sarà il mio successore» perché «io toglierò il disturbo». È un passaggio del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, nel suo intervento di ieri per l'inaugurazione di una mostra su Sant'Agata all'università di Catania che cambia all'improvviso gli scenari politici per le prossime elezioni in Sicilia per il governo dell'isola. Musumeci non ha voluto parlare della sua dichiarazione con i giornalisti presenti, sorpresi dal suo apparente cambio di linea. Contattato dall'ANSA non ha voluto aggiungere altro: «quello che ho detto è stato sentito, ognuno gli dia l'interpretazione che vuole - afferma - io non ho nulla da dire adesso. Incontrerò la stampa nei prossimi giorni». Secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia, Musumeci ha comunicato ai suoi figli (e anche agli assessori Razza, Messina e Falcone) la decisione di non ricandidarsi. Ma che Musumeci, stanco degli attacchi da parte della sua maggioranza di centrodestra, e in particolare del presidente dell'Ars e leader di Fi in Sicilia, Gianfranco Micciché, sia pronto a fare un passo indietro e a rinunciare alla ricandidatura alla presidenza della Regione, è un'ipotesi della quale avrebbe già parlato con i suoi fedelissimi. Un cambio di decisione che, se confermata ufficialmente, di fatto riaprirebbe la partita per la scelta del nuovo candidato del centrodestra e sulla quale si `peseranno´ i rapporti di forza anche tra i leader nazionali della coalizione con Giorgia Meloni che ha sostenuto con FdI la ricandidatura di Musumeci e che contesterà a Lega e Forza Italia l'aver costretto all'eventuale passo indietro il governatore uscente. Il test delle amministrative, appena concluse (oggi si è insediato a Palermo il neo sindaco Roberto Lagalla) consegna al centrodestra e al centrosinistra in Sicilia un quadro politico complesso. A scuotere le due coalizioni sono le mine vaganti: Cateno De Luca, suo l'exploit a Messina che ha frantumato i due poli e in corsa da quattro mesi per la Regione; e Fabrizio Ferrandelli, terzo a Palermo, definito da Micciché «il nuovo soggetto politico» con cui discutere. Su entrambi i fronti, confronti e trattative non si sono mai fermati e gli scenari mutano di ora in ora. Nel centrodestra, Micciché ha ribadito, in una intervista al Corriere della Sera, il «no» alla ricandidatura di Nello Musumeci, e auspicando un nome nuovo magari «una donna» che possa compattare la coalizione. Appare difficile, invece, l'alleanza con De Luca. «All'indomani del voto in molti mi hanno cercato - afferma `Scateno´, come ama definirsi - il centrodestra cerca un'alternativa a Musumeci la cui inadeguatezza non può più essere nascosta. Ho detto `no´ a chi propone accordi». Nervi tesi anche nel centrosinistra. Il via libera alle primarie (si voterà on line e nei gazebo il 23 luglio) non sta acquietando il campo progressista. Anzi. Pd e M5s stanno gestendo problemi non indifferenti; i Dem sul nome da lanciare per le consultazioni (in pole c'è l'eurodeputata Caterina Chinnici, ma non mancano i maldipancia) e il M5s che, nome a parte (Luigi Sunseri, Nuccio Di Paola e Giancarlo Cancelleri su cui pesa però l'interrogativo del terzo mandato) si deve misurare anche con l'ipotesi scissione. In più l'apertura ad Azione e +Europa (trascinati a Palermo dall'ottimo risultato elettorale di Fabrizio Ferrandelli) non pare abbia riscaldato i cuori del `Centro´. Tutt'altro. «Le primarie rischiano di essere un esercizio di stile utile soltanto per la supremazia tra le correnti. Se viceversa il centrosinistra vuole fare un discorso serio e concreto siamo disponibili a sederci e ad aprire una discussione», la laconica reazione del segretario di Azione, Carlo Calenda. Ancora più netto Benedetto Della Vedova di +Europa: «Primarie in Sicilia? No, grazie». L'idea primaria, insomma, è di andare da soli. Riproporre il `modello Palermo´ anche in chiave regionali per preparare la strada a Calenda per le politiche. E la ricerca dell'alter ego di Ferrandelli (14mila voti a Palermo) è già partita.

Musumeci a sorpresa si dice pronto a togliere il disturbo: “Ai miei figli ho già detto che non mi ricandido”

La Regione Siciliana ha fatto molti interventi anche nel settore della cultura e per quelli che non sono finiti «ci sarà il mio successore» perché «io toglierò il disturbo». Leggi il resto »
Paternò: caos negli uffici elettorali, 950 chiedono il duplicato della ‘tessera’. Al voto solo il 63% degli aventi diritto

Paternò: caos negli uffici elettorali, 950 chiedono il duplicato della ‘tessera’. Al voto solo il 63% degli aventi diritto

In attesa dell’inizio dello sfoglio delle schede elettorali in programma dalle 14 di oggi, vince per il momento l’astensionismo a Paternò, comune interessato, assieme ad altri 19 nel Catanese, alle elezioni amministrative. Leggi il resto »
Sicilia, 120 comuni al voto: caos a Palermo per il forfait di presidenti e scrutatori. La Lega chiede a Mattarella di allungare l’orario

Sicilia, 120 comuni al voto: caos a Palermo per il forfait di presidenti e scrutatori. La Lega chiede a Mattarella di allungare l’orario

Sono 120 i Comuni siciliani che votano oggi per eleggere i propri sindaci e per rinnovare i Consigli comunali e circoscrizionali, ma a Palermo i seggi si aprono all'insegna del caos. Leggi il resto »
Quattro candidati siciliani nella lista degli ‘impresentabili’ della Commissione Antimafia

Quattro candidati siciliani nella lista degli ‘impresentabili’ della Commissione Antimafia

Sono quattro, in tutto, i candidati siciliani al Consiglio comunale, inseriti nella lista dei cosiddetti `impresentabili´ della Commissione nazionale antimafia guidata da Nicola Morra. Leggi il resto »
Voto in Sicilia, 120 Comuni alle urne: a Palermo e Messina le sfide più importanti

Voto in Sicilia, 120 Comuni alle urne: a Palermo e Messina le sfide più importanti

Sono 120 i Comuni della Sicilia chiamati alle urne per il rinnovo delle amministrazioni e la scelta del nuovo sindaco. Leggi il resto »