Caltagirone, stasera e domani la “Scala illuminata”: 3 mila “coppi” omaggiano don Pino Puglisi

Torna a Caltagirone anche quest’anno la ‘Scala illuminata’, lo spettacolo che ogni anno attira in città migliaia di visitatori. Dopo il doppio appuntamento del 24 e 25 luglio, stasera e domani – notte di Ferragosto – alle 21.30, in occasione del clou dei festeggiamenti in onore di Maria Santissima del Ponte, compatrona della città, si rinnoverà a Caltagirone l’atteso spettacolo di luci e colori della “Scala illuminata”, che vedrà ancora una volta la monumentale Scala di Santa Maria del Monte (142 gradini tutti decorati con splendide maioliche) trasformarsi in un arazzo di fuoco. L’installazione è curata dal maestro Enzo Ripullo e dai suoi ‘Angeli della Scala’. Oltre tremila ‘coppi’ dei colori bianco, verde e rosso – ai quali quest’anno si aggiunge il blu cobalto – dentro i quali ardono lumi alimentati da olio d’oliva, verranno disposti in modo da formare un disegno diverso. Quello di oggi, opera del compianto Salvatore Montalto, mostra motivi ornamentali nel segno della tradizione dei suoi disegni che gli sono valsi tanti apprezzamenti. Il disegno del 15, realizzato dal docente e ceramista Antonino Navanzino, costituisce un omaggio sia alla Madonna sia al beato don Pino Puglisi nel 25esimo anniversario del martirio del sacerdote palermitano ucciso dalla mafia.   

“La Scala illuminata – sottolinea il sindaco Gino Ioppolo – è un evento di grande richiamo per i turisti, che ci auguriamo possano accorrere numerosi anche agli appuntamenti del 14 e 15 agosto. In particolare l’illuminazione del 15 acquisisce quest’anno una connotazione particolare, costituendo pure, nella ricorrenza dell’anniversario del sacrificio del beato padre Pino Puglisi, un omaggio a tutte le vittime della criminalità mafiosa”. 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Riguardo l'autore Corriere Etneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.