Adrano, arrestati il boss del clan Mazzei Lo Cicero e altri 8: estorcevano denaro a imprenditore

Adrano, arrestati il boss del clan Mazzei Lo Cicero e altri 8: estorcevano denaro a imprenditore

Cristian Lo Cicero, di 36 anni, ritenuto dagli investigatori a capo del clan mafioso operante ad Adrano quale articolazione territoriale del clan Mazzei, è stato arrestato insieme a sette presunti appartenenti alla cosca con l’accusa di estorsione pluriaggravata con il metodo mafioso ai danni di un imprenditore.

L’arresto è scaturito dall’arresto in flagranza avvenuto a Santa Maria di Licodia il 7 gennaio scorso con l’accusa di estorsione pluriaggravata anche da metodo e finalità mafiose di un presunto esponente della cosca, Francesco Lombardo, di 44 anni, immediatamente dopo avere ritirato dalla vittima 5.000 in acconto ad una estorsione da 100 mila euro che secondi quanto accertato doveva consegnare ai sodali ed in modo particolare a Cristian Lo Cicero.

Insieme con Cristian Lo Cicero sono stati arrestati Agatino Lo Cicero, di 40 anni, Antonino Bua, di 39, Francesco Celeste, di 34, Maurizio Montalto, di 43, Dario Scalisi, di 24.

Due giorni dopo sono stati fermati anche Giuseppe Viaggio, di 39 anni, e Giuseppe David Costa, di 40, che in un primo momenti si erano resi irreperibili. Gli indagati erano stati tutti fermati, tranne Lombardo, che era stato arrestato in flagranza. I fermi poi sono stati poi mutati in arresto dal Gip.

Secondo quanto emerso dalle indagini gli indagati nel dicembre dello scorso anno avrebbero più volte richiesto i 100 mila euro all’imprenditore minacciando lui e la sua famiglia A tutti gli indagati, anche sulla scorta di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia, è stata contestata l’aggravante di avere commesso il fatto quali appartenenti al clan mafioso capeggiato da Lo Cicero ed operante ad Adrano quale articolazione territoriale del clan Mazzei di Catania per agevolare la cosca.

Durante una perquisizione gli agenti hanno sequestrato in casa di Cristian Lo Cicero 91.000 euro in contanti, somma ritenuta provento delle attività delittuose dell’uomo Gli indagati sono stati rinchiusi nelle carceri di massima sicurezza di Catania-Bicocca, Siracusa e Caltanissetta. Dalle indagini, effettuate in precedenza al citato arresto in flagranza, era emerso che Lombardo si stesse apprestando a consegnare la suddetta somma ai sodali sopra indicati, ed in modo particolare a Lo Cicero Cristian. Nel mese di dicembre, gli indagati avrebbero più volte reiterato la suddetta richiesta estorsiva minacciando ripetutamente la vittima e la sua famiglia. Di tali minacce è venuta a conoscenza la Polizia di Stato che, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia, ha proceduto agli opportuni riscontri, in esito ai quali è scatta l’esecuzione delle misure precautelari in questione.

A tutti gli indagati, anche sulla scorta di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia, è stata contestata l’aggravante di avere commesso il fatto quali appartenenti al clan mafioso capeggiato da Lo Cicero Cristian ed operante in Adrano quale articolazione territoriale del clan Mazzei di Catania, al fine di agevolare la medesima associazione mafiosa.

BUA Antonio
LO CICERO Agatino
CELESTE Francesco
LO CICERO Cristian

 

MONTALTO Maurizio
LOMBARDO Francesco
SCALISI Dario
COSTA Giuseppe David

 

VIAGGIO Giuseppe

Avatar

Riguardo l'autore Redazione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.