Muoviti Paternò e Agire sulla ‘festa’ di Naso per il ritorno di Sambataro: “Non c’è senso delle istituzioni. Presidente lasci la carica”

Muoviti Paternò e Agire sulla ‘festa’ di Naso per il ritorno di Sambataro: “Non c’è senso delle istituzioni. Presidente lasci la carica”

“La notizia della revoca della misura cautelare al presidente del Consiglio comunale Filippo Sambataro rappresenta, certamente, una buona notizia per lui e tutte le persone a lui vicine. Il rispetto nei confronti della giustizia e delle leggi che regolano il nostro sistema giudiziario ci impone però una breve considerazione”.

E’ quanto scrivono i due movimenti Muoviti Paternò e Agire in una nota resa pubblica subito dopo la diffusione delle foto del sindaco Nino Naso che in fascia tricolore ha accolto nella propria stanza il cardiochirurgo tornato in libertà.

“Fermo restando -. Scrivono i due movimenti che nessuno si è mai permesso, né in passato né ora, di entrare nel merito della vicenda che vede Sambataro indagato, essendo il garantismo alla base del nostro agire, ci preme però fare una considerazione di carattere politico.

Il dott. Sambataro risulta ancora oggi indagato per i fatti che gli sono stati contestati ed il Tribunale del Riesame, com’è noto, si esprime solo nel merito delle misure cautelari adottate e non sui fatti. Per questo appaiono quantomeno inappropriate, per non dire totalmente scomposte, le esternazioni da parte di amministratori locali, che in primo luogo danneggiano lo stesso dott. Sambataro, sottoponendolo ad una pressione mediatica che avrebbe potuto evitare.

Proprio queste prese di posizione, condite da foto del sindaco e della giunta che accolgono stesso dott. Sambataro al 5 piano del palazzo di città, con tanto di fascia tricolore e brindisi, sono la prova tangibile della totale mancanza di senso delle istituzioni. Istituzioni più volte calpestate dal sindaco in modo inaccettabile.

“Questi atteggiamenti – precisa la nota – ci costringono a sottolineare che, al momento, la posizione del dott. Sambataro rimane immutata, essendo lo stesso indagato per i medesimi fatti che avevano portato, in un primo momento, l’autorità giudiziaria ad emettere la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Ed è per questo, che ribadendo ancora una volta l’augurio al dott. Sambataro di poter dimostrare nelle sedi opportune la sua totale estraneità ai fatti che gli vengono contestati, e ribadendo con forza la totale e incondizionata fiducia nei confronti della magistratura e degli inquirenti, crediamo vi sia l’opportunità politica che lo stesso dott. Sambataro faccia una riflessione rispetto all’opportunità di lasciare la carica di Presidente del Consiglio Comunale.

Glielo chiediamo proprio perché sappiamo che egli stesso nutre un grande rispetto per le istituzioni, quelle istituzioni che devono essere tutelate sempre e da chiunque. Ricoprire ancora il ruolo di Presidente, in questo momento, non è certamente utile per la città di Paternò e potrebbe non esserlo per lo stesso dott. Sambataro”.

Avatar

Riguardo l'autore Redazione

1 Comment

  1. Il Dott. Naso sindaco di Paternò usa troppo spesso la fascia tricolore per esternare pareri personali…non si è reso conto che essendo una istituzione rappresenta tutta la città

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.